martedì 27 marzo 2018

Al via il Torneo "Citta' di Firenze


Tutti i pronosticati per la vittoria finale della 43esima edizione del torneo internazionale under 18 maschile e femminile “Città di Firenze – Trofeo Cr Firenze” hanno confermato la presenza al club delle Cascine. Possiamo, dunque, dare il seeding delle teste di serie, nel numero di otto, di entrambi i tornei partendo dal maschile che vede favorito principe l’azzurro Lorenzo Musetti (Ita). A seguire, dal n. 2 al n. 8 abbiamo lo svizzero Damien Wenger, l’ukraino Pavel Shumeiko, il rumeno Nini Gabriel Dica, l’estone Daniil Glinka, l’ukraino Oleksil Krutykh, il tedesco Leopold Zima e lo svedese Erik Grevelius.
Nel torneo femminile la favorita numero uno è la danese Clara Tauson. Seguono (dalla 2 alla 8) la lussemburghese Eleonora Molinaro, l’italiana Giulia Peoni, la russa Daria Frayman, la croata Iva Zelic, la greca Anna Arkadianou, l’italiana Lisa Piccinetti e l’ukraina Dasha Lopateskaya.
Tanta Toscana, dunque, fra i possibili protagonisti: Lorenzo Musetti (2002) e di Carrara così come Giulia Peoni, mentre Lisa Piccinetti è nata a Montepulciano.
Per quanto riguarda le fasi delle qualificazioni c’è ancora da disputare i turni decisivi per sapere chi proseguirà a giocare nei tornei maggiori, ma, al momento possiamo dire che l’azzurro è un bel colore. Soprattutto se a vestirlo è un ragazzo ancora 14enne capace di attirare le attenzioni degli appassionati di tennis accorsi in massa al circolo del tennis approfittando anche delle belle giornate. 
Luca Nardi, nato a Pesaro, seguito dal tecnico federale Giovanni Paolisso e dal suo coach è arrivato a giocare il turno decisivo dopo aver superato un avversario ostico come il croato Borna Dewald (62 75). Solamente in tarda serata sarà chiamato in campo contro un altro azzurro di belle speranze come Giuseppe La Vela che, a sua volta, ha regolato (76 75) lo svizzero Jerome Kym.  
Altro tennista italiano che ha impressionato per le doti tennistiche in possesso è il romano Flavio Cobolli, figlio del maestro nazionale Stefano ampiamente conosciuto in Toscana dove ha giocato a tennis per molti anni presso il circolo tennis ugolino. La caratteristica di Stefano Cobolli è che non vuole allenare il figlio tanto che lo ha affidato alle cure del maestro Magnelli presso il Circolo tennis Parioli. Cobolli junior ha superato in tre set (61 36 63) il croato Patrik Stepanic e nel turno decisivo affronterà lo svizzero Leandro Riedi.
Al femminile la lingua straniera è più parlata. Solamente due azzurre, infatti, sono arrivate al turno decisivo: la cagliaritana Barbara Dessolis (64 36 64 alla Ruggeri) cercherà di superare la serba Elena Gemonic, numero uno delle quli, mentre Aurora Zantedeschi (62 60 alla Zingale) se la vedrà con l’australiana Tina Nadine Smith.
Domani è programmato il primo turno dei tabelloni principali con inizio alle ore 9.00

Fabrizio Del Bimbo

LA PANCHINA D’ORO VA A MASSIMILIANO ALLEGRI: È IL IV RICONOSCIMENTO NELLA SUA CARRIERA

 Massimiliano Allegri è il vincitore della Panchina d’oro 2016/2017.

 

Il tecnico della Juventus è stato votato dai colleghi quale miglior allenatore della scorsa stagione di Serie A. Un anno che ha visto Allegri trionfare in campionato, in Coppa Italia e arrivare in finale di Champions League. E anche in questa stagione l’allenatore livornese è in corsa su tutti e tre i fronti: primo in campionato, in finale di Coppa Italia contro il Milan e atteso dall’impegno ai quarti di finale di Champions, contro il Real Madrid, per una rivincita dell’ultimo atto della scorsa edizione.

Per Allegri si tratta del quarto riconoscimento, dopo la ‘Panchina d’oro di Prima Divisione’, ottenuta quando era alla guida del Sassuolo in Lega Pro nel 2007/2008, e dopo le altre due ‘Panchine d’oro’ ricevute: la prima per il suo campionato alla guida del Cagliari (2008/2009) e l’altra nell’edizione 2014/2015, alla sua prima stagione da tecnico della Juventus.

Oltre al Commissario straordinario, sono intervenuti alla premiazione: il Direttore Generale, Michele Uva, il Presidente del Settore Tecnico, Gianni Rivera; il Presidente dell’AIAC e Direttore della Scuola Allenatori del Settore Tecnico, Renzo Ulivieri; il Presidente dell’AIA, Marcello Nicchi; il Presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina; il Presidente della Divisione Nazionale Calcio a cinque, Andrea Montemurro, e il Direttore Generale della Serie B, Paolo Bedin. 
Dopo il successo di un anno fa alla ‘Panchina d’oro Lega Pro’, quest’anno 
Leonardo Semplici si è ripetuto, ottenendo la ‘Panchina d’argento’ come miglior allenatore della Serie B 2016/2017 per la sua stagione alla guida della Spal, culminata con la scalata nel massimo campionato. Per l’allenatore toscano è il terzo riconoscimento, considerando anche la ‘Panchina d’argento Seconda Divisione’ del 2008/2009, quando era tecnico del Figline.

Primo successo personale invece per l’allenatore del Foggia, Giovanni Stroppa, che l’anno scorso ha guidato i rossoneri alla promozione in Serie B.

L’anno scorso è stata una stagione trionfale per gli allenatori italiani all’estero, capaci di vincere cinque campionati in Europa: a Carlo Ancelotti (Bayern Monaco, Germania), Roberto Bordin (Sheriff, Moldavia), Massimo Carrera (Spartak Mosca, Russia), Antonio Conte (Chelsea, Inghilterra) e Marco Rossi (Honved, Ungheria), il Settore Tecnico della FIGC ha dedicato cinque ‘Panchine d’oro speciali’, per celebrare i loro trionfi al di fuori dei confini nazionali.

Già votati dai colleghi durante il corso di aggiornamento organizzato dall’Aiac lo scorso luglio, hanno ricevuto la Panchina d’oro e d’argento del calcio femminile Sauro Fattori (Fiorentina Women’s) e Federica D’Astolfo(Reggiana): il tecnico viola ha condotto le sue ragazze al primo e storico scudetto in casa gigliata, mentre l’allenatrice del Sassuolo Calcio Femminile (un anno fa Reggiana) ha guidato la squadra emiliana in Serie A, ottenendo così la terza Panchina d’argento della sua carriera. 

Quest’anno per la prima volta sono stati anche assegnati i riconoscimenti per quel che riguarda i due massimi campionati di calcio a cinque: David Marin Ortega ha ricevuto la ‘Panchina d’oro calcio a cinque’ per la sua stagione alla guida della Luparense, con cui ha vinto il campionato di Serie A maschile, mentre la ‘Panchina d’argento calcio a cinque’ è stata consegnata a Daniele D’Orto, tecnico dell’Olimpus Roma con cui ha trionfato nel campionato di Serie A Élite femminile e in Coppa Italia. Di seguito, nel dettaglio, le votazioni di questa mattina:


PANCHINA D’ORO

Massimiliano Allegri, Juventus, voti 19

Gian Piero Gasperini, Atalanta, voti 11

Maurizio Sarri, Napoli, voti 7


PANCHINA D’ARGENTO

Leonardo Semplici, Spal, voti 28

Marco Baroni, Benevento, voti 6

Fabio Pecchia, Hellas Verona, voti 3


PANCHINA D’ORO LEGA PRO

Giovanni Stroppa, Foggia, voti 31

Filippo Inzaghi, Venezia, voti 16

Attilio Tesser, Cremonese, voti 15

Del Bimbo Fabrizio

mercoledì 21 marzo 2018

Il 43/o Torneo Giovanile Citta' di Firenze al via il 28 marzo






La 43esima edizione del torneo internazionale giovanile under 18, Trofeo CR Firenze, organizzata dal Club delle Cascine, stata presentata alla stampa nella club house del circolo fiorentino. Si comincerà a giocare mercoledì 28 marzo e la conclusione è stata fissata, come da consuetudine, il 2 aprile che coincide con il lunedì di Pasqua. Un antipasto interessante è dato dai tabelloni di qualificazione programmati nei giorni 26-27 marzo. 

La novità più importante scaturita dalla conferenza stampa e l’adeguamento del tabellone maschile, fino allo scorso anno aperto a 48 partecipanti, al tabellone femminile che prevede 32 giocatrici. Rimanendo nell’ambito tennistico internazionale un’altra novità, anche se riveste ancora un carattere di ufficiosità, è l’intenzione del club fiorentino di riportare a Firenze il tennis professionistico dando vita ad un challenger nel prossimo mese di ottobre. 

La notizia viene data dal Presidente Giorgio Giovannardi che afferma che il club è pronto con tutte le coperture economiche necessarie e si aspetta solamente il nulla osta da parte della federazione internazionale che dovrebbe, condizionale obbligatorio, dare il via tra un paio di settimane.

Alla presentazione del “Città di Firenze” hanno partecipato, oltre al padrone di casa Giorgio Giovannardi, l’Assessore allo sport Andrea Vannucci, il Consigliere Nazionale Fit Guido Turi, il presidente della Federtennis Toscana Luigi Brunetti e l’Amministratore Delegato della Belardinelli Roberto Pellegrini.

Il padrone di casa Giorgio Giovannardi ha aperto i lavori con un doveroso saluto agli intervenuti ed ai rappresentanti della stampa presenti in grande numero. “ Un ringraziamento va a tutte le componenti che concorrono ad organizzare una manifestazione che tiene vivo l’interesse degli appassionati di questo sport da ben 43 edizioni. Naturalmente un grazie particolare alla Banca CR Firenze che, da anni, è nostro interlocutore privilegiato. Mi fa piacere vedere la presenza di tanti rappresentanti dei media che è un segnale d’apprezzamento per il nostro lavoro”

“La città di Firenze è orgogliosa di questo evento giunto all’edizione n. 43 – afferma l’Assessore Andrea Vannucci. Si tratta di un appuntamento fisso che richiede un impegno particolare ed un’organizzazione perfetta tutta tesa a rendere la settimana di Pasqua una settimana di tennis spettacolare per i tantissimi appassionati che affollano sempre le tribune del circolo”. 

“L’attività giovanile è molto importante per la nostra regione – afferma Guido Turi – e la Toscana con il trittico di tornei giovanili internazionali la rende straordinaria. Abbiamo tre tornei, Firenze, Prato e Santa Croce che hanno costruito la storia del tennis giovanile e hanno lanciato tutti i più grandi campioni di questo sport. Una tradizione che prosegue e che spero possa accompagnarsi a quella professionista data l’intenzione del Circolo del Tennis di aprire ad un torneo Challenger”.

Il Presidente della Federtennis Toscana Luigi Brunetti afferma che “il torneo internazionale di Firenze rappresenta un fiore all’occhiello per la toscana tennistica. Firenze, Prato e Santa Croce annualmente ci presentano i futuri prospetti del tennis professionistico e, come spesso accade, sono delle rampe di lancio per una carriera di notevole spessore” 

“E’ sempre un piacere assistere a manifestazioni giovanili – dice Roberto Pellegrini. E il “Città di Firenze”, vuoi per la caratteristica di svolgersi sempre nella settimana di Pasqua, risulta sempre tra i tornei più apprezzati. A Tirrenia seguo tantissimi tra ragazzi e ragazze ed è un motivo in più per apprezzarne i circoli che compiono sforzi eniormi per organizzare eventi del genere”.

Quindi il direttore del torneo e del circolo Flavio Benvenuti si è soffermato sul fattore tecnico del torneo che si presenta di ottimo livello. Favoriti dei tabelloni maschile e femminile del torneo “Città di Firenze – Trofeo Banca CR Firenze” sono l’azzurrino Lorenzo Musetti che, lo scorso anno, ha lasciato una buonissima impressione e la danese Clara Tauson ritenuta l’erede di una certa Carolina Wozniacki. 

Molte e interessanti le presenze di atleti ancora sedicenni nei due tabelloni, il che rende l’edizione numero 43 del “Città di Firenze” ancora più interessante.

Di seguito le wild card per il torneo principale assegnate da club organizzatore: al maschile entrano nel main draw Niccolò Marianelli ed Edoardo Graziani. Per il settore tecnico la scelta è caduta su Giacomo DìAmbrosi mentre rimane da assegnare un’altra wild card.  

Per il settore femminile sono state privilegiate due allieve del settore giovanile del club: Matilde Gori (2000) ed Anna Paradisi (2003). Il settore tecnico ha scelto Alice Amendola (2001) e Cristina Elena Tiglea (2001).

Per il torneo di qualificazione maschile le wild card del club sono state assegnate a Francesco Maestrelli, Alessio Gelli e Stefanacci Guglielmo. Al femminile la scelta è caduta invece su Eleonora Parducci (2001), Bianca Caselli (2003) e Diletta Cherubini (2002). Il settore tecnico federale ha concesso le wild card a Giovanni Peruffo (2001), Andrea Fiorentini (2001) e Francesco Passaro (2001) mentre al femminile le prescelte sono Alessia Tagleinte (2001), Jennifer Ruggeri (2003) e Giulia Carbonaro (2000). 

Si comincia lunedì 26 marzo con i tornei di qualificazioni che saranno chiusi Martedì 27, mentre da mercoledì 28 fino al 2 aprile (lunedì di Pasqua) si gioca per i tornei principali. Sono 32 gli ammessi al tabellone maschile e 32 a quello femminile. 16 coppie di doppio maschile e 16 di doppio femminile completeranno il programma.

Il torneo potrà essere seguito via internet sul sito del club: www.ctfirenze.it e sui siti della Federtennis Toscana e Ubitennis. 

Per l’intera durata del torneo l’ingresso è gratuito

                                                                                                      
Nicoletta Curradi

mercoledì 14 febbraio 2018

Open Toscano 4o Trofeo Centro Arredotessile


Presentata l’edizione numero uno dell’Open toscano – 4° Trofeo Centro Arredotessile -, organizzato dal Match Ball Firenze, valido come prequalificazione agli Internazionali d’Italia. Sarà assegnato anche il titolo toscano individuale libero e di 3^ categoria. In questo caso, è il 40esimo anno.


     Nell’accogliente club house del Match Ball Firenze è stata presentata la prima edizione del torneo Open toscano che prevede un montepremi di 26.000 euro e assegna le wild card per le prequalifiche agli Internazionali BNL d’Italia. Nell’occasione saranno anche assegnati i titoli regionali per le categorie libero e terza maschile e femminile. Sia il club organizzatore che il Comitato Regionale Tennis hanno scelto di continuare la tradizione che vuole l’assegnazione del titolo toscano per il 40esimo anno.
     Alla presenza del Sindaco del Comune di Bagno a Ripoli Francesco Casini, dell’Assessore allo Sport Enrico Minelli, del Presidente del Coni Provinciale Eugenio Giani, del Consigliere Fit Guido Turi e del Presidente della Federtennis Toscana Luigi Brunetti, il padrone di casa Roberto Casamonti ha dato il via alla conferenza con un’anteprima che ha sorpreso la folta presenza dei media. “E’ l’ultima volta che presenzio la conferenza stampa. Dal prossimo anno sarò un semplice uditore perché il nuovo presidente del Match Ball Firenze sarà mio figlio Leonardo. In ogni caso sono contento di chiudere la carriera presidenziale davanti a questo pubblico composto da giornalisti, istituzioni e dirigenti di tennis. Sono contento anche di aver dato vita al primo open toscano che porterà in città le migliori espressioni del tennis nazionale”.
Per il Sindaco Francesco Casini la manifestazione del Match Ball è “l’evento tennistico più importante della regione e giustamente sarà ospitato dal centro sportivo più bello della Toscana”
Per Eugenio Giani il Match Ball “rappresenta una vera certezza nel tennis regionale. In questo club sono stati raggiunti obiettivi di vertice ed è tutto merito della famiglia Casamonti che a questo sport ha dato tanto”.
Guido Turi, molto commosso per l’arrivederci dell’amico Roberto si è detto contento per il fatto che la Federazione Nazionale “ha aperto alla partecipazione di tennisti e tenniste di fuori regione. Questo per dare la possibilità a tutti, attraverso prove simili a questa, di arrivare a calcare i campi del Foro Italico. Naturalmente un plauso va agli organizzatori di queste prove e, nel caso, il Match Ball ha sempre rappresentato una garanzia”.
A chiudere il Presidente CRT Luigi Brunetti ha detto che “è stato fatto un cambiamento importante che aiuterà la crescita del torneo come quantità e soprattutto come qualità. Naturalmente ringrazio il Match Ball per avere prontamente recepito e fatto fronte alla situazione che si è presentata con tante difficoltà”.
E’ toccato, quindi, al futuro numero uno del club Leonardo Casamonti prendere il microfono e ringraziare per quanto è stato finora fatto. “Per il futuro faremo del nostro meglio. In effetti, il cambiamento è importante ma siamo pronti ad accettare la sfida”.
Quindi il neo direttore del circolo, maestro Fabio Bianchini, da poco subentrato ad Antonia Pastore, ha indicato le novità della nuova manifestazione garantendo tutto l’impegno necessario per indirizzare sulla giusta via l’Open. 
 Le gare in programma al Match Ball Firenze Country Club sono il singolare maschile e femminile di 1^, 2^ e 3^ categoria e il doppio maschile e femminile. Queste gare si disputeranno nei quattro campi coperti in terra rossa messi a disposizione dal club organizzatore. E’ programmata inoltre la gara di doppio misto che si disputerà sul campo coperto con superficie in sintetico. 
L’organizzazione del torneo, che si svolge con il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli, vede coinvolti la Federazione Italiana Tennis, il Comitato Regionale Toscano, il consiglio direttivo, Roberto e Leonardo Casamonti, Guido Turi, e la direzione del Circolo, Antonia Pastore. Il Torneo sarà diretto dal team degli ufficiali di gara: Filippo Zoppi, titolare, Renzo Roselli, Paolo Lapini e Niccolò Stinghi.
Il torneo sarà seguito dall’ufficio stampa del Comitato Regionale Toscano e nella fase finale dalla televisione Supertennis.
Diversi i partner che hanno legato il loro nome alla manifestazione : Centro Arredotessile, Tornabuoni Arte, Best and Fast Change, Quid Informatica, Wansport, Dunlop, Pegaso System Led Tecnology, Podhio e Tempur.
Le iscrizioni, che si possono fare on line su www.federtennis.it/toscana si chiuderanno il 15 febbraio alle ore 12.00 per i giocatori di 3^ categoria e il secondo giorno antecedente l’inizio del tabellone per le altre categorie e per i doppi.
Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.matchballfirenze.it e www.federtennis.it/toscana.
   
Fabrizio Del Bimbo
                                             


lunedì 12 febbraio 2018

"Un pirata in cielo", il nuovo libro di Riccardo Clementi




Il volume, che si compone di 100 pagine divise in 14 capitoli che narrano la vita di Pantani lungo la via delle sue vittorie, è scritto dal giornalista fiorentino Riccardo Clementi ed edito dalla casa editrice sportiva Urbone Publishing.




Esce mercoledì 14 febbraio, giorno di San Valentino e 14° anniversario della morte di Marco Pantani, il nuovo libro di Riccardo Clementi con titolo “Un Pirata in Cielo” e sottotitolo “14 volte Pantani. Dalle vette delle Alpi alle stelle del firmamento”.
Con questo originale testo edito da Urbone Publishingcasa editrice specializzata in letteratura e cultura sportiva, il giornalista e scrittore Riccardo Clementi, nato nel 1982 e residente a Pontassieve in provincia di Firenze, ha voluto omaggiare la figura del Pirata a 14 anni dalla sua scomparsa.
E proprio intorno al numero 14 ruota tutto il volume: perché 14 sono gli anni senza Pantani, 14 è il giorno di San Valentino in cui nel lontano 2004 il campione di Cesenatico salutò il mondo, 14 è il numero di tappa in cui Pantani vinse la prima tappa al Giro d’Italia il 4 giugno 1994, ma soprattutto 14 sono i capitoli del libro proprio come 14 sono i successi ottenuti tra Giro e Tour prima del drammatico 5 giugno 1999, quando Pantani fu fermato “a tutela della sua salute” a causa del valore dell’ematocrito superiore a 50.
Ogni capitolo racconta una delle 14 vittorie di tappa tra il ’94 e il ’99, dai primi exploit di Merano e Aprica alle magie sull’Alpe d’Huez, dalle indimenticabili imprese con cui nel 1998 realizzò la doppietta Giro – Tour fino al dominio incontrastato sulle strade d’Italia nel 1999 bruscamente interrotto dall’inappellabile sentenza di Madonna di Campiglio, ancora oggi velata di dubbi e misteri. Tra un traguardo e l’altro, il libro ripercorre i fatti della vita sportiva di Pantani, dagli albori in sella alla bici ai primi incidenti che hanno falcidiato tutta la sua carriera, dagli esordi nella Carrera Tassoni al team della Mercatone Uno costruita su misura per lui fino alla squalifica avvertita come un’ingiustizia, ai tentativi di rialzarsi nello sport e nella vita e alla tragica morte.
Marco Pantani, il più forte scalatore di tutti i tempi, era capace di trasformare ogni successo in un’impresa epica, al traguardo sempre e comunque da solo:su 14 vittorie non ce n’è una in cui il Pirata sia arrivato in compagnia di un altro atleta. Impressionante la sua azione incessante, il suo inconfondibile modo di procedere con le mani piantate nella parte ricurva del manubrio, uno scatto dopo l’altro, costantemente sui pedali a volare sulle salite più impervie. Soltanto dopo il 5 giugno 1999, quando ha conseguito ancora due successi di tappa al Tour de France del 2000, Pantani si presentò al traguardo del Mont Ventoux insieme a Lance Armostrong. Ma tre giorni dopo a Courchevel il Pirata ristabilì le distanze e staccò anche l’americano – al quale poi sono stati revocati per doping i 7 titoli al Tour – trionfando per l’ultima volta in completa solitudine.
Perché Pantani era un uomo in fuga, straordinario nelle doti atletiche, fragile e sensibile nella sua umanità schietta e sincera. Quello di Pantani sulla Terra è stato un passaggio unico. Fulmineo, emozionante, intenso come i suoi scatti, capace di lasciare un segno indelebile. Una scia su cui nessuno dei suoi avversari riusciva a rimanere e che Riccardo Clementi, a 20 anni esatti di distanza dalla storica doppietta Giro – Tour, ha provato a riagganciare cercando di farlo rivivere nella narrazione dei capolavori realizzati in sella alla bicicletta.
«È per onorare un ragazzo leale, prima che un campione inarrivabile – scrive Clementi nell’introduzione – che ho messo nero su bianco delle parole nel tentativo di ripercorrere la vita di Pantani lungo le vie della sue vittorie, quasi fossero una chiave di lettura per capire qualcosa in più di un fuoriclasse del ciclismo, che troppo spesso è stato rappresentato come un delinquente o al contrario come un santino, ma che era prima di tutto un uomo orgoglioso e grintoso, istintivo e severo con se stesso, buono e sensibile. Un fenomeno da studiare e ricordare con meno commenti e più attinenza ai fatti, che in questo libro ho cercato di narrare in modo fedele e puntuale nel silenzio di lunghe notti di scrittura, in cui la sagoma del Pirata riaffiorava alla mente in modo vivido. Fiera e vincente, irrequieta e misteriosa. Mi auguro di aver reso onore alla memoria di un grandissimo campione che ha vinto sempre in solitario, risvegliando nel cuore della gente emozioni che sembravano essere sopite per sempre e che ci hanno reso tutti più uniti e più umani.»
Il libro, disponibile nelle librerie sportive e in altri punti vendita (http://www.urbone.eu/distributori), è acquistabile anche sul sito web della casa editrice urbone.eu ed è ordinabile in tutte le librerie d’Italia

Fabrizio Del Bimbo 

giovedì 16 novembre 2017

Presentata la Asics Firenze Marathon 2017: verso quota 10.000 iscritti

Per il sesto anno consecutivo e per la nona volta nella storia della manifestazione hanno superato le 9000 unità gli iscritti alla Asics Firenze Marathon. Precisamente al momento sono oltre 9700 gli iscritti e le iscrizioni sono ancora possibili fino alla mezzanotte di domani, 17 novembre. Un numero che potrebbe portare la manifestazione a superare quota 10mila iscritti, come è avvenuto solo in altre due occasioni nella storia dell’evento. Già superato il numero di iscritti dello scorso anno che sfiorò quota 9500. Torna il 26 novembre per l’edizione numero 34 la Asics Firenze Marathon che si confermerà, quindi, la seconda maratona d’Italia per numero di partecipanti. A Firenze si cimenteranno atleti da tutto il mondo, oltre 80 le nazioni rappresentate. Insieme alla maratona si corre, con partenza alle 9 da Piazza della Repubblica, la Ginky Family Run di 2 km che potrebbe superare i 2000 iscritti e per la quale ci si potrà iscrivere fino al sabato di vigilia della maratona, riservata a ragazzi e adulti. Sostanzialmente confermato il percorso innovativo dello scorso anno con la partenza da Piazza Duomo alle 8.30 (dove ci sarà anche l’arrivo) anche se il tracciato è stato rimodellato in alcuni tratti, rimisurato e certificato nuovamente per bypassare alcuni punti oggetto di lavori stradali da parte del Comune di Firenze.



L’evento è stato presentato oggi in Palazzo Vecchio, presenti tra gli altri l’assessore allo sport del Comune di Firenze Andrea Vannucci, il presidente dei Firenze Marathon Giancarlo Romiti, Alessio Piscini presidente del Comitato regionale toscano della Fidal, Maurizio Damilano in rappresentanza del main sponsor Asics. Gli interventi si sono aperti nel ricordo di Remo Pavia, consigliere di Firenze Marathon e fino a due anni fa responsabile del Marathon Expo, scomparso in questi giorni. La peculiarità resta il tracciato ricco di storia e di fascino, che si abbina a un’accoglienza entusiastica dell’evento da parte della città e del pubblico. Un anello che si dipana tutto nel territorio di Firenze, per l’80 per cento nel centro storico o ai bordi di esso. Il clima di grande calore col quale vengono accolti gli atleti sarà incrementato anche dall’iniziativa dell’Huawei Clap Contest, l’onda di energia che forniranno tante band musicali e gruppi che si esibiranno lungo il percorso, facendo a loro volta da catalizzatrici di pubblico. Il Clap Contest è un’iniziativa curata dagli organizzatori in collaborazione con la Commissione cultura e sport del Comune di Firenze che torna per il quarto anno consecutivo. L’iniziativa quest’anno è incrementata dalla collaborazione con Huawei Consumer Busines Group Italia, multinazionale leader mondiale nel mercato delle telecomunicazioni, che è premium sponsor e mobile partner di Firenze Marathon. Saranno circa 2500 i volontari lungo il percorso; un centinaio i pace-maker coordinati da Training Consultant Numerosi gli eventi collaterali che pervaderanno la settimana che precede la maratona, in particolare collegate al Marathon Expo, presso la struttura indoor dell’Asics Firenze Marathon Stadium, in zona Campo di Marte, la grande mostra a tema sportivo della città di Firenze che apre i battenti il venerdì e il sabato che precedono la gara dalle 9.30 fino alle 20 con ingresso gratuito e la presenza stimata di oltre 30mila visitatori. Nel programma anche interessanti convegni tecnici, che attirano sempre tanti podisti desiderosi di saperne di più. L’ingresso è da viale Malta 10.

Torna, per la nona edizione, anche la “MarathonAbile”, la gara per diversamente abili in carrozzina con le handbike, comunemente definite “cicloni”, organizzata da Firenze Marathon e dal Gruppo Sportivo Unità spinale Onlus di Firenze in collaborazione con il Comune di Firenze. Si gareggia la domenica sullo stesso percorso della maratona, con la partenza alle 8.27. 
Sempre domenica, migliaia di ragazzi e adulti parteciperanno alla Ginky Family Run, la corsa/passeggiata di un chilometro e mezzo che parte (alle 9) e arriva in piazza della Repubblica. Per tutti i partecipanti la maglia ufficiale Asics di colore blu. L’iscrizione è gratuita per gli Under 14, mentre costa 10 euro (che vanno in beneficenza a favore delle Associazioni cittadine che affiancano la manifestazione) per chi ha più di 14 anni. Ci si iscrive fino a giovedì 23 alle 18 presso la segreteria dell’Atletica Firenze Marathon in viale Fanti 2, presso Isolotto dello Sport in via dell’Argingrosso 69 a/b (fino alle 19.30) e presso la Palestra Firenze Marathon Wellness in viale Malta 10. Ci si può iscrivere anche al Marathon Expo il venerdì e il sabato nell’apposito stand. La domenica è previsto un ristoro post gara a cura di Conad e di Acqua San Benedetto, che fornirà anche gadget creati per l’occasione. Da non perdere la visita al villaggio in piazza della Repubblica con regali e gadget anche da parte di Huawei l'azienda leader mondiale nel campo degli smartphone.

ALTRI EVENTI 
Tra gli eventi dei giorni precedenti, nell’ambito dell’Expo “I più veloci, più forti e più resistenti di Firenze - Trofeo CONAD”, nella giornata di venerdì 25 novembre presso l’Asics Firenze Marathon Stadium, La settima edizione della manifestazione di atletica che vedrà in pista i ragazzi delle scuole fiorentine che si misureranno in gare di sprint, mezzofondo e lanci (velocità, lancio del peso e 1000 metri). L’evento, suddiviso in una sessione mattutina e in una pomeridiana, è organizzato da Firenze Marathon e Atletica Firenze Marathon con la collaborazione dell’Assessorato all’Educazione e allo Sport del Comune e al Coni con lo scopo di promuovere l’atletica fra i giovanissimi e creare una giornata di festa all’insegna dello sport e del divertimento. Impegnati studenti di quarta e quinta elementare, triennio delle medie e biennio delle superiori, opportunamente divisi in categorie. Sabato mattina 26 novembre invece con inizio alle 10 c’è, sempre sulla pista dell’Asics Firenze Marathon Stadium, la Staffetta 30x1000 metri - Trofeo Mauro Pieroni che torna per la quinta edizione. Chi desidera partecipare alla staffetta ma non ha squadra, sarà inserito dall'organizzazione in una squadra a condizione che possa essere completata. Si tratta di un’occasione per essere protagonisti dell’evento maratona e divertirsi, scaricando per amici e accompagnatori dei maratoneti magari anche un po’ la tensione, nella giornata di vigilia della maratona. Le iscrizioni si ricevono presso la sede della Firenze Marathon in viale Fanti 2 o presso la sede di Training Consultant in via F.G. Angelico 36/11 a Firenze. Si consolida ulteriormente anche la tradizione della Messa del Maratoneta e dei Podisti, iniziativa che torna per il quinto anno consecutivo. Si terrà presso la Chiesa di Santa Maria Novella, sabato sera 25 novembre alle 18. Quest'anno la Santa Messa sarà celebrata dal Monsignor Melchor Sanchez de Toca, sottosegretario Cultura e Sport del Vaticano, maratoneta e presidente dell'Athletica Vaticana, squadra che tra l’altro parteciperà alla Firenze Marathon con 4 atleti (dipendenti vaticani). Previste anche visite guidate gratuite alla Basilica dalle 16 alle 17.30 per i maratoneti e i loro accompagnatori. Per usufruirne basterà mostrare il pettorale di gara. E anche quest’anno la lunga e intensa settimana della maratona si concluderà con il Marathon Party tra musica e spettacoli, domenica sera, cena tipica toscana a un prezzo speciale, inarrivabile in circostanze diverse, con le immagini della gara sui maxischermi. Presso i locali dell’ObiHall, a due passi dall’ingresso dell’autostrada Milano-Roma e coinvolgerà circa 700 persone.

 LE CIFRE 2016 Nel 2016 gli iscritti furono 9497. Partirono al via effettivamente 8670 atleti e conclusero la prova, classificati ufficiali nel tempo limite, 8260 atleti. Tutti gli aggiornamenti in tempo reale su www.firenzemarathon.it e sui social ad esso collegati tra cui la pagina Facebook ufficiale. La gara si potrà vivere in diretta anche su Lady Radio dalle 8 alle 12 di domenica 26 novembre, con un ping pong di aggiornamenti dallo studio centrale alle strade della città fra redazione ed inviati esterni, per la cronaca della gara, le impressioni del pubblico, le informazioni di viabilità.
Inoltre nella settimana che precede la corsa ogni giorno appuntamenti, “Conto alla rovescia” e costanti aggiornamenti. A Firenze Lady Radio trasmette sui 102.1 FM (92.2 in Vadisieve e 95.4 in Mugello) ma si può ascoltare ovunque tramite l'app gratuita per smartphone e tablet. La Rai trasmetterà una differita su RaiSport nella stessa giornata della manifestazione, mentre Toscana Tv all’interno di Runners (il giovedì alle 22.30) dedicherà due puntate speciali tutte incentrate sulla Firenze Marathon.

Fabrizio Del Bimbo

giovedì 12 ottobre 2017

Tc Prato la 1^ giornata al femminile di serie A del tennis al via






Da domenica 15 ottobre alle 10 parte la stagione 2017 del massimo campionato a squadre di tennis con il Tc Prato che schiererà due compagini. Il team femminile, campione d'Italia in carica, sarà impegnato a Torino contro la Stampa Sporting mentre quello maschile giocherà in casa, via Firenze ingresso libero, contro il Tc Parioli Roma. Nella formazione maschile che sfiderà la formazione romana sul campo centrale del Tc Prato da seguire con molta attenzione Lorenzo Sonego che potrebbe essere davvero il giocatore cardine di questa squadra. Insieme a lui i due atleti storici del club: Matteo Trevisan e Jacopo Stefanini, la conferma dello straniero Jan Mertl che sarà chiamato a gettone. Verrà dato spazio a Federico Iannaccone (under 18) che in questa stagione è stato protagonista in diversi tornei internazionali junior e che è cresciuto molto sia dal lato tecnico che atletico. Il futuro è nelle sue mani. A chiudere la rosa del team maschile Carlo Donato e Davide Innocenti (anche loro under 18) che potrebbero essere decisivi in certe gare dove è necessario avere giocatori del vivaio. Le campionesse d'Italia invece esordiranno nel capoluogo piemontese e metteranno in campo una formazione con tante atlete del vivaio, oltre a Maria Elena Camerin. L'indiscussa protagonista sarà Martina Trevisan che ha esordito in Fed Cup in singolare e sta facendo molto bene nei tornei internazionali " Mi sto allenando a Tirrenia e sono contenta di essere stata convocata in nazionale e di aver giocato il singolare - dice Martina Trevisan - il capitano Tatiana Garbin mi ha dato fiducia e io cerco di ripagarla con i risultati. La serie A1 per me è sempre una competizione molto importante e a cui ci tengo particolarmente perché con il Tc Prato e' da quando ero under 14 che gioco per questo club". Martina Trevisan avrà accanto Lucrezia Stefanini oltre a Giulia Peoni e Lisa Piccinetti che hanno già esordito in prima squadra ma quest'anno, anche per la nuova formula che obbliga a far giocare le under 30, avranno più spazio. Nella rosa figurano anche Corinna Dentoni vincitrice sia in singolare che in doppio dei Campionati Italiani di Seconda Categoria, Gaia Sanesi oltre alla giovanissima (Under 14) Asia Serafini e Ludovica Gori. Un team che fa dell'unità e del vigore la sua forza. Il Tc Prato in questa stagione punta sui giovani che hanno sempre vestito la maglia biancoazzurra. Una bella scommessa da vivere per sei domeniche consecutive nello splendido impianto di via Firenze che ogni domenica sarà protagonista con tre sfide al maschile e 3 al femminile.
ECCO IL CALENDARIO

15 ottobre  maschile:  Tc Prato - Tc Parioli            femminile: Stampa Sporting To-Tc Prato
22 ottobre  femminile: Tc Prato - Ca Faenza            maschile:  Ata Battisti Trentino-Tc Prato
29 ottobre  femminile: Tc Prato - Ct Ceriano            maschile:  Tc Crema - Tc Prato
5 novembre  femminile: Tc Prato - Stampa Sporting To    maschile:  Tc Parioli Roma - Tc Prato
12 novembre maschile:  Tc Prato - Ata Battisti Trentino femminile: Ca Faenza - Tc Prato
19 novembre maschile:  Tc Prato - Tc Crema              femminile: Ct Ceriano- Tc Prato
Del Bimbo Fabrizio